Recensioni Elvira Tonelli

Recensioni del libro
"Oltre le Nuvole"

Evelyn Storm

Ela e la sua storia... come si fa a restare indifferenti a quello che le succede? Elvira Tonelli ha scritto un libro intenso, scorrevole, che ho sentito nel profondo. Ho anche pianto e mi sono commossa, mi sono arrabbiata, ho provato vicinanza e rispetto nei confronti di questa forte protagonista che riesce a tirare fuori la forza anche davanti alle situazioni più tormentate. Ha toccato la mia sensibilità e il mio animo. Leggetelo, se volete una lettura diversa, dove l'amore non è solo quello verso un uomo. Lo consiglio.

Evelyn Storm, Scrittrice

Ela è abituata ai sacrifici. La sua famiglia, in Romania, è povera ma non mancavano mai sorrisi e amore. Quando conosce Aurel, un bravo ragazzo che la ama con rispetto e devozione, i due si sposano giovanissimi. Erano felici, nonostante la situazione economica precaria. A causa della perdita del lavoro, Ela vuole creare un futuro migliore alla sua famiglia, per questo motivo parte in Italia. Lì trova subito lavoro presso una famiglia benestante. La scelta obbligata di abbandonare il marito e il figlio, diventa sempre più pressante. Non c’è minuto del giorno che non pensi a loro e ne sente la mancanza.

Luca è il figlio dei suoi “padroni”: trentenne senza lavoro, viziato, scorbutico, arrogante, maleducato e nullafacente. Ricatta la ragazza, la violenta in ripetute occasioni, minacciandola di farla licenziare se non si sottomette alla sua volontà. Lei, impaurita, sopporta in silenzio: quel lavoro le serve.

“Capii che non bisogna mai perdere la speranza, che con la costanza e i sacrifici si possono ottenere grandi risultati e che, nel nostro percorso di vita, si possono fare tanti incontri, alcuni brutti, altri belli ma, alla fine, è sempre il bene a vincere”.

Trasferitasi a Torino, riesce a riabbracciare i suoi cari, trovando un lavoro anche a suo marito Aurel.

Ela è felice, la sua famiglia si è riunita. Alla fine, tutti i suoi sacrifici, sono stati ricompensati.

Il destino, però, sa essere molto crudele …

La vita è così, a volte dolce a volte amara, e bisognava essere pronti in ogni momento ad andare avanti, superando gli imprevisti e i contrattempi. Se si cadeva, bisognava essere pronti a rialzarsi, piangere e subito dopo tornare a sorridere, essere tristi e aver la forza di trovare la felicità”.

 

Nonostante i mille problemi, Ela si dimostra ottimista, piena di speranza, affronta ogni ostacolo che la vita le mette davanti, senza scoraggiarsi.

Nella “Nota dell’autrice”, scopriamo che questo romanzo è ispirato a una storia vera.

Questa storia è un appello contro la violenza, la dominazione maschile e maschilista. È la voglia di lottare e sperare. È sorridere in faccia alle avversità. È accettare la vita, non passivamente, ma affrontandola in ogni suo aspetto.

Sebbene non sia una storia allegra, tutt’altro, è piena di ottimismo. Non c’è afflizione tra le parole, se non quella che prova il lettore nei confronti di Ela.

Una storia toccante, ben scritta, profonda. Una storia che lascia il segno, che induce a riflettere. Dove c’è amore si convive in pace e armonia. Dove ci sono molti soldi, invece, non si è mai soddisfatti, l’apparenza conta più della sostanza.

Ela insegna l’umiltà. Una vita semplice può essere gratificante e dignitosa.

Una storia molto toccante …

Emme X, Scrittrice
Grazia Elettra Cormaci

Con stile semplice, con occhi aperti al dolore, Elvira Tonelli ci accompagna nel lungo viaggio della speranza insieme alla protagonista di “Oltre le nuvole”, Ela, nata in Romania e costretta da una condizione economica misera, ad espatriare in Italia alla ricerca di un lavoro che le ridesse dignità e serenità per sé e la sua famiglia.
Un viaggio arduo quello di Ela, fatto di soprusi da parte di un ragazzo senza scrupoli; di amore, di speranza per i suoi figli, per suo marito Aurel, sperando sì, ma non per lei, ormai costretta a subire la malattia così terribile come il cancro, che la distrugge, la logora nel fisico ma non nell’animo, poiché sino alla fine, l’ultima frase è stata, non per sé, ma per chi le vive accanto.
“Oltre le nuvole” dice Ela ai suoi figli, “ci sono degli angeli che hanno bisogno di me…”.
Commovente, drammatico e al tempo stesso pieno di aspettative per tutte le persone che hanno il diritto di cercare e trovare la serenità in un posto che dovrebbe accoglierli e dar loro la possibilità di una vita migliore.
È un grido alla vita e alla speranza, quello di Elvira Tonelli che ti giunge dritto allo stomaco come un pugno, che ti lascia dentro un segno indelebile che obbliga a riflettere e ad aprire il cuore al prossimo… perché in fondo, gli altri siamo noi e noi siamo gli altri, in un continuum di vita “perpetua”.

Grazia Elettra Cormaci, Blogger
Eleonora Marsella

Elvira Tonelli, laureata in scienze politiche, con varie esperienze televisive e radiofoniche pubblica Oltre le nuvole, casa editrice EVE.

Un piccolo libro, poco meno di cento pagine che, racchiudono una storia immensa: la protagonista è Ela, nativa della Romania, capirà ben presto che la vita è fatta di sacrifici e sudore poiché sarà costretta ad abbandonare la propria terra per cercare miglior vita in Italia. Lascerà il marito e il figlio con grande dispiacere approdando dapprima a Milano, dove sarà vittima di una violenza, e poi Torino: una città che regalerà a Ela una nuova opportunità, donandole la possibilità di far trasferire la propria famiglia nella stessa azienda dove lei stessa lavora. Il finale, però, vi coglierà sorpresi, un ‘the end’ dal sapore amaro ma vero.

Ela, Susanna, Aurel, Ingmar, Ana e tanti altri vi accompagneranno in una storia travolgente, profonda e mai scontata.

Trama, descrizioni e stile narrativo meritano 3 stelle su 5.

Eleonora Marsella
Lisa di Giovanni

Oltre le nuvole è il titolo del nuovo romanzo di Elvira Tonelli, una storia emozionante, romantica, passionale e sofferta che porta il lettore a riflettere sulla vita, sui valori.
L’autrice tocca temi esistenziali importanti e racconta metaforicamente la storia di una donna e delle sue innumerevoli difficoltà nel vivere in una società piena di pregiudizi, maschilista e retrograda.

L’amore e la vita anche oltre le nuvole. Il romanzo è del genere rosa e narra di una ragazza romena, Ela. La protagonista scopre sin da piccola quelle che sono le sofferenze della vita e con sacrifici e sforzi cerca di farsi strada e sopravvivere. Vive con i suoi genitori a Craiova fino a quando, un giorno, incrocerà il vero amore: Aurel. Il destino porta Ela a Milano dove, purtroppo per lei, non sono finite le tribolazioni e in particolare riferite al mondo del lavoro. La svolta della sua vita la trova a Torino, dove scrive un nuovo capitolo della sua vita. Dopo innumerevoli disavventure riuscirà a riunirsi alla sua famiglia e, insieme al suo amore, vivrà un periodo di rinascita e felicità. La sofferenza, però, per questa donna, piena di vita e che non ha perso mai il sorriso, non è finita.  Dopo un periodo di serenità, scopre di avere un male terribile, così inizia la sua lotta per la vita e la sopravvivenza. Non si arrenderà e lotterà fino alla fine, la sua voglia di vivere e il suo sorriso non l’abbandoneranno mai. Il romanzo è esaltante, pieno di interessanti colpi di scena, terrà il lettore incollato fino all’ultimo rigo.

Lisa di Giovanni

Recensioni del libro
"Amore Innocente"

Quando una storia è scritta e bene, non c’è nulla da fare, da dire, da inventare. L’autrice Elvira Tonelli, ci racconta la storia di Noemi e Lorenzo. Una giovane coppia piena di sogni e speranze, con tanti desideri da realizzare. Il loro è un rapporto sereno: Lorenzo appartiene a una famiglia nota e rispettata, avvocati da diverse generazioni; Noemi è un’infermiera altruista e sensibile che proviene da una famiglia umile. Il matrimonio porta cambiamenti, si sa. Iniziare una nuova vita, ognuno impegnato nel proprio lavoro con lo stress che ne consegue, inizia a creare i primi litigi. Emerge un lato di Lorenzo, quello aggressivo. Noemi però non vuole rinunciare alla sua idea: diventare una infermiera clown per i bambini che soffrono. Fin qui sembra tutto “ordinario”, ma non voglio raccontare altro, perché ciò che seguirà ha dell’incredibile. Oltre a Noemi e Lorenzo, a un certo punto, subentrerà Marco. Anche lui ha vissuto un’esperienza che lo ha devastato e, in qualche modo, sta cercando di reagire e andare avanti. Il romanzo inizia con un’introduzione. L’autrice ci spiega per sommi capi, quali argomenti verranno trattati: violenza sulle donne, malattie e morte, solidarietà verso i poveri, carriera e, infine, la speranza. Una considerazione molto veritiera è quella di isolarci. Ditemi se non vi è mai capitato di ritrovarvi sul divano, la sera, e ognuno è talmente preso da se stesso da dimenticare chi ha accanto. Uno guarda la Tv, l’altro gioca con il tablet, un altro risponde ai messaggi su Facebook … e non c’è dialogo, non si parla più. In famiglia non si chiede più: cos’hai fatto a scuola? Com’è andata la tua giornata? Vado a fare la spesa, hai bisogno di qualcosa in particolare? Dove sono andate a finire le attenzioni per i nostri cari? Per poi accorgersi che nessuno è preparato alla morte e accorgersi di non aver avuto il tempo di dire “addio”. Rimandiamo tutto. Quante volte abbiamo detto: “lo faccio domani”. E se domani non ci fosse? Queste considerazioni, mi hanno fatto riflettere e tornare in mente il libro scritto da Leo Buscaglia “Vivere, amare, capirsi”, una sorta di manuale e consigli che aiutano molto a convivere e condividere la vita. Perché, ricordiamocelo, la vita è una sola. Tornando al romanzo di Elvira Tonelli, ci troviamo in una situazione in cui dobbiamo per forza alzarci e andare avanti, chiudere con il passato e vivere. Si sta male, ricominciare spesso fa paura, ma non basta scappare: bisogna individuare ciò che ci fa stare male e combatterlo, solo allora possiamo essere pronti a ricominciare. Nessuno ha detto che sia facile. “C’è la fase della sofferenza acuta, in cui è difficile anche solo aprire gli occhi, poi c’è quella dell’indifferenza, in cui non t’importa più di nulla, e poi arriva lo spiraglio, quello in cui inizi a realizzare che andare avanti così non porta da nessuna parte.” Questa è una storia che ti cattura già dalle prime pagine. Noemi è una donna forte che, pur essendo vittima, non rimane a compiangersi. Reagisce. Si allontana. Combatte. Assolutamente scorrevole ed emozionante. Super consigliato! P.S.: Grande stima per i medici del sorriso!

Emme X, Scrittrice
Acquista "Farfalla Arcobaleno" dall'autriceRiceverai in omaggio dei simpatici segnalibri!

Lascia una tua recensione come commento

Commenta da Facebook

* Denotes Required Field